Home > Prodotti > Fotometri > Fotometri portatili > Fotometro per analisi dell'acido tartarico nel vino - HI83748

SKU: HI83748-02

Fotometro per analisi dell'acido tartarico nel vino - HI83748

650,00 + IVA

10033 disponibili (ordinabile)

Acquista & guadagna 650 punti!
Richiedi informazioni

Il fotometro portatile HI83748 combina accuratezza e facilità di utilizzo in un design ergonomico e pratico. L'utente può determinare in modo preciso la concentrazione di acido tartarico nel vino nell'intervallo da 0.0 a 5.0 g/L (ppt), utilizzando i reagenti HI83748-20

  • Reagenti pronti all'uso

  • Timer incorporato

  • Spegnimento automatico

Tempi di spedizione
Non a stock, spedizione prevista entro 10 giorni lavorativi
Garanzia diretta dal produttore
Assistenza clienti sempre a disposizione
Maggiori informazioni
Specifiche tecniche
Recensioni
Downloads
Info Ordine

Il fotometro portatile HI83748 consente di determinare l'acido tartarico nel vino. I fotometri portatili Hanna sono dotati di un sistema ottico avanzato; la combinazione di una speciale lampada al tungsteno, un filtro di interferenza a banda stretta e un fotorilevatore al silicio garantiscono ogni volta misure fotometriche precise. Il sistema di bloccaggio della cuvetta assicura che sia inserita nella cella di misura sempre nella stessa posizione, in modo da mantenere costante la lunghezza del cammino ottico. 

 

Caratteristiche

Timer incorporato - È possibile utilizzare il timer dello strumento per assicurare il corretto tempo di reazione (3 minuti e 30 secondi). Al termine, lo strumento visualizzerà automaticamente la misura.

Tasto zero - Premendo il tasto zero lo strumento terrà conto del colore e delle imperfezioni nel campione di olio prima dell'aggiunta del reagente.

Spegnimento automatico - Lo strumento si spegne dopo 10 minuti di inutilizzo quando è in modalità di misura per risparmiare la carica della batteria e nel caso in cui venga lasciato acceso accidentalmente.

Indicatore stato batteria - Lo strumento è dotato di un indicatore del livello della batteria per visualizzare la carica residua.

Messaggi di errore - I messaggi sul display avvisano l'utente quando si verificano problemi. Alcuni esempi sono "under range", "over range" e errori che riguardano la sorgente luminosa.

Unità di misura - L'unità di misura è visualizzata insieme alla misura.

optical system

La concentrazione di acido tartarico nel vino normalmente è compresa tra 1.5 e 4.0 g/L. Questa concentrazione acida non deve essere confusa con l'acidità totale o titolabile, che sono spesso espresse come contenuto di acido tartarico. Anche se è l'acido tartarico l'acido predominante (fino al 60% dell'aidità totale), altri come l'acido malico, citrico e diversi acidi volatili contribuiscono in modo significativo all'acidità totale. HI83748 utilizza un metodo con due reagenti per determinare la concentrazione di acido tartarico fino a 5.0 g/L (ppt). Quando entrambi i reagenti vengono aggiunti in un campione contenente acido tartarico, il campione diventerà arancione-rosso; maggiore è la concentrazione, maggiore sarà l'intensità del colore. La variazione di colore associata viene poi analizzata colorimetricamente secondo la legge di Beer-Lambert. Questo principio stabilisce che la luce viene assorbita da un colore complementare e la radiazione emessa dipende dalla concentrazione. Per la determinazione di acido tartarico, un filtro di interferenza a banda stretta a 525 nm (verde) consente di far rilevare solo la luce verde dal fotorilevatore al silicio e di trascurare tutte le altre luci visibili emesse dalla lampada al tungsteno. Quando la variazione del colore del campione reagito aumenta, anche l'assorbanza della lunghezza d'onda specifica della luce aumenta, mentre la trasmittanza diminuisce.

L'acido tartarico e il tartrato svolgono un ruolo importante nella stabilità del vino. Possono essere presenti nel vino e nel succo d'uva in varie forme, come acido tartarico (H2T), bitartrato di potassio (KHT) o tartrato di calcio (CaT). Il rapporto di questi dipende principalmente dal pH del vino. La percentuale di tartrato presente come bitartrato (HT-) è al massimo a pH 3.7.

La formazione di depositi cristallini ("casse tartrato") è un fenomeno di invecchiamento del vino. È importante analizzare e ridurre il potenziale di precipitazione delle bottiglie. Ad esempio, regolando il pH del vino, i produttori possono influenzare in modo significativo il potenziale della formazione di "casse tartrato".

Le concentrazioni di potassio nel vino possono variare da 600 a 2500 ppm in alcuni vini rossi. Anche se il bitartrato di potassio è solubile in acqua, l'alcool e le basse temperature diminuiscono la sua solubilità. Specialmente durante la fermentazione alcolica il bitartrato di potassio diventa sempre più insolubile causando super-saturazione e precipitazioni. La stabilità KHT può essere ripristina mediante il raffreddamento. I vini con valori di pH iniziali inferiori a 3.65 possono mostrare una riduzione del pH durante la stabilizzazione a freddo a causa della generazione di un protone libero per ogni precipitato di KHT. Il pH può scendere fino a 0.2 unità. Per vini con pH maggiore di 3.7, il pH aumenta.

Le concentrazioni di calcio varaino da 6 a 165 ppm. Il calcio potrebbe formare complessi con il tartrato e l'ossalato causando precipitati. Le instabilità del tartrato di calcio si verificano normalmente da 4 a 7 mesi dopo la fermentazione e non dipendono dalla temperatura.

Solfati, proteine, gomma e polifenoli possono formare complessi stabili con tartrati, principalmente tra polifenoli e acido tartarico nel vino rosso e proteine nel vino bianco. Questo spiega perché, mentre si verifica la polimerizzazione del pigmento, la capacità di ritenzione dell'acido tartarico diminuisce, causando "casse tartrato" in ritardo.



Scala Acido Tartarico: da 0.0 a 5.0 g/L (ppt)
Risoluzione Acido Tartarico: 0.1 g/L
Metodo Acido Tartarico: La reazione tra acido tartarico e regaenti fa diventare il campione giallo/arancione.
Precision: SD ±0.1 g/L a 2.0 g/L
Sorgente Luminosa Fotometro/Colorimetro: lampada al tungsteno con filtro di interferenza a banda stretta a 525 nm
Rilevatore di Luce Fotometro/Colorimetro: fotocellula al silicio
Display: display a cristalli liquidi
Alimentatore: 4 batterie AA (1.5V) o adattatore 12 VDC
Tipo/ Durata Batteria: batterie AA 1.5V
Spegnimento Automatico: dopo 15 minuti di inutilizzo
Condizioni di Utilizzo: da 0 a 50°C (da 32 a 122°F); U.R. max 95% senza condensa
Peso: 500 g (17.6 oz)
Dimensioni: 225 x 85 x 80 mm (8.7 x 3.3 x 3.1”)
Informazioni Ordine: HI83748 è fornito con 2 cuvette di misura con tappi, reagenti per 5 analisi (HI83748A-0, HI83748B-0), micropipetta da 200 μL con due puntali di plastica e istruzioni, siringa da 5 mL con puntale, panno per pulizia cuvette, adattatore 12 VDC, 4 batterie AA (1.5V), manuale di istruzioni, certificato di qualità e valigetta rigida.

Non ci sono download disponibili per questo prodotto
Non ci sono informazioni sull'ordine di questo prodotto

Potrebbe interessarti anche

Prodotti correlati

cartmagnifiercrosschevron-right-circle