Home > Prodotti > Fotometri > Reagenti > Reagenti per la determinazione di ferro nel vino - HI83741-20

SKU: HI83741-20

Reagenti per la determinazione di ferro nel vino - HI83741-20

72,00 + IVA

10000 disponibili (ordinabile)

Acquista & guadagna 72 punti!
Richiedi informazioni

HI83741-20 sono reagenti per la determinazione colorimetrica di ferro nel vino. Con questi reagenti si possono effettuare 20 analisi utilizzando il fotometro Hanna HI83741. Ogni flacone e bustina ha una data di scadenza e un numero di lotto per la tracciabilità.

  • Reagenti predosati

  • Preparati con sostanze chimiche pure

  • Data di scadenza e numero di lotto per la tracciabilità

 

 

QUESTO PRODOTTO È INDICATO PER: Acque reflue
Tempi di spedizione
Non a stock, spedizione prevista entro 10 giorni lavorativi
Garanzia diretta dal produttore
Assistenza clienti sempre a disposizione
Maggiori informazioni
Specifiche tecniche
Recensioni
Downloads
Info Ordine

HI83741-20 sono reagenti predosati che consentono all'utente di ottenere misurazioni colorimetriche veloci e precise. Questi reagenti seguono un metodo nel quale la reazione tra ferro e reagenti provoca una colorazione viola nel campione. Seguendo la procedura e aggiungendo la giusta quantità di solvente vino 1 ed una bustina di HI83741A-0 e HI83741B-0 nel campione, avviene la reazione e il fotometro Hanna HI83741 determinerà la concentrazione di ferro. I risultati saranno visualizzati in mg/L di rame.
Scala: da 0.0 a 15.0 ppm di ferro.

La presenza di tracce di ferro nel vino ha effetti positivi sull'attività enzimatica, agisce da stabilizzante e funge da componente funzionale delle proteine. Ad elevate concentrazioni altera il potenziale redox, a favore dell'ossidazione, modificando le caratteristiche sensoriali del vino e portando alla formazione di composti con tannini e fosfati (casse). La casse ferrica più comune è "casse bianca" (fosfato ferrico), che inizialmente si presenta come polvere bianca e poi come precipitato. La ‘casse blu" (tannato ferrico) è meno frequente e si può osservare in vini bianchi, per esempio dopo l'aggiunta di acido tannico. La maggior parte del ferro nel vino è presente come ione ferroso Fe(II). Il rapporto tra ione ferroso e ferrico Fe(II)/Fe(III) dipende dallo stato di ossidazione del vino. Se si forma Fe(III), si può legare ai fosfati normalmente presenti nel vino. Dato che il ferro si lega molto bene a molti acidi organici, alcuni produttori di vino aggiungono acido citrico al vino in modo da complessare il ferro libero se la sua concentrazione supera 5 mg/L. Se non si verifica contaminazione, la normale concentrazione di ferro è compresa tra 1 e 5 ppm. La fonte più importante di ferro nel vino è il contatto con ferro contenente leghe durante il processo. Durante la fermentazione una parte del ferro viene assorbita dal lievito e poi rimosso dal vino durante la filtrazione.

La formazione di casse dipende da: concentrazione di ferro, pH, ORP, fosfati, contenuto e tipo di vino.

formazione di casse bianca

inibizione casse bianca

concentrazione di ferro > 7 ppm

concentrazione di ferro < 5 ppm

potenziale redox elevato (Fe3+ presente) 

chiarificazione con bentonite

 pH 2.9-3.6

aggiunta acido citrico 12-24 g/hL

Confezione: Flaconi e bustine
Quantità: 20 analisi
Method: La reazione tra ferro e reagenti provoca una colorazione viola nel campione.

Non ci sono download disponibili per questo prodotto
Non ci sono informazioni sull'ordine di questo prodotto

Potrebbe interessarti anche

Prodotti correlati

cartmagnifiercrosschevron-right-circle