Titolazione

Titolazione

La titolazione viene utilizzata in chimica analitica per determinare la quantità o la concentrazione di una sostanza, nota come analita. La titolazione è una misurazione quantitativa di un analita in soluzione mediante la sua reazione completa con un reagente. In una titolazione, un reagente (il titolante) viene aggiunto lentamente a una soluzione contenente la specie da misurare (l'analita). Man mano che viene aggiunto, si verifica una reazione chimica tra il titolante e l'analita. Il punto in cui la reazione è completa e sono presenti una quantità equivalente di titolante e analita (un equivalente stechiometrico) è chiamato punto di equivalenza.

Questo può essere determinato da un indicatore chimico che è anche presente nella soluzione o da un cambiamento fisico misurabile nella soluzione, come il pH, il potenziale dell'elettrodo o l'assorbimento della luce (colore). In pratica, un brusco cambiamento di questa proprietà fisica segnala la fine della titolazione, chiamata endpoint. Lo scopo della titolazione è determinare la quantità o la concentrazione di un analita con una concentrazione e un volume noti di un titolante.

La titolazione automatica viene eseguita con una strumentazione che eroga il titolante con precisione, si ferma al punto finale e calcola automaticamente la concentrazione dell'analita. I sistemi di titolazione includono titolatori potenziometrici e Karl Fischer. I sistemi potenziometrici includono mini-titolatori specifici per l'applicazione per l'analisi di base e titolatori avanzati che possono accettare sonde pH, ORP, ISE e fotometriche. I sistemi di titolazione avanzati offrono la possibilità di connettersi a un campionatore automatico per test ad alta produttività. Per l'analisi del contenuto di acqua Hanna offre titolatori Karl Fischer che includono versioni sia volumetriche che coulometriche.

Elettrodo ionoselettivo

Sonda fotometrica